Saronnopiu.com - Il portale delle aziende e dei negozi di Saronno e dintorni

Frase esatta: Sí No     Ricerca avanzata

 

Due mozioni della Lega Nord su Tasse e Tesoreria unica

Notizia letta 5018 volte
Articolo in: - Politica  

Saronno

Angelo Veronesi - Lega Nord Saronno 10/04/2012

Due mozioni della Lega Nord su Tasse e Tesoreria unica Angelo Veronesi - Lega Nord Saronno
- Abbassiamo le tasse per le famiglie. il prossimo Consiglio comunale per non far diventare Saronno come lo sceriffo di Nottingham
- Saronno si deve opporre alla Tesoreria unica per salvare sociale, cultura e sport cittadini
 

Abbassiamo le tasse per le famiglie. il prossimo Consiglio comunale per non far diventare Saronno come lo sceriffo di Nottingham

Parte lancia in resta la Lega Nord saronnese contro un'amministrazione che si prefigge di riscuotere le tasse per il governo Monti come un novello sceriffo di Nottingham. Il consigliere leghista *Raffaele Fagioli*, membro della commissione consiliare bilancio è primo firmatario di tutte le mozioni.

A fronte di un governo Monti che sta spremendo i cittadini come limoni invocando la crisi delle banche a ogni piè sospinto come se fossimo in stato di guerra, noi vogliamo ridurre le tasse sulla prima casa e ridurre le tariffe dei servizi a domanda individuale.

Stiamo chiedendo a questa Amministrazione di ridurre il carico fiscale per le famiglie saronnesi - gli fa eco il capogruppo leghista *Angelo Veronesi*. Le nostre proposte sono ragionevoli ed eque. Stiamo operando con un grande senso di responsabilità. Non diciamo semplicemente no, ma facciamo delle proposte concrete a chi, come l'assessore Mario Santo vorrebbe aumentare l'IMU al 9,8 per mille ai commercianti e ai negozi e al 9,6 per mille agli artigiani. Il nostro unico intento è quello di alleviare il carico fiscale per i cittadini saronnesi. Non vogliamo che questa amministrazione diventi come lo sceriffo di Nottingham.

Chiediamo di ridurre l'IMU per la prima casa dal 4 al 2 per mille, cioè ai minimi di legge - rivela il consigliere del Carroccio *Raffaele Fagioli*. La tassa sulla prima casa è ingiusta, dato che i cittadini l'hanno comperata a fronte di grandi sacrifici familiari. Il governo Monti ancora una volta colpisce le famiglie padane per dirottare i loro risparmi verso regioni italiane con amministrazioni poco responsabili che scialacquano i nostri soldi.

Il 23 e il 24 aprile il Consiglio Comunale discuterà le tariffe per servizi a domanda individuale e le aliquote per l'addizionale comunale IRPEFper l'anno 2012. La Lega Nord nel Consiglio Comunale dell'11 aprile presenterà una propria ricetta per salvaguardare soprattutto le famiglie appartenenti ai ceti medio-bassi - svela il consigliere leghista *Raffaele Fagioli*. Le famiglie saronnesi risulterebbero fortemente penalizzate dalla contestuale applicazione di addizionale comunale IRPEF e parametro ISEE per differenziare le tariffe dei servizi a domanda individuale. L'abbassamento delle tariffe sarebbe un segno tangibile di aiuto nei confronti delle famiglie. Il programma del sindaco Luciano Porro prevedeva "esenzioni speciali, temporanee dall'addizionale IRPEF, la diminuzione o la cancellazione temporanea dei costi di accesso ai servizi a domanda individuale (scuole di vario grado, mense)" in caso di crisi. Ci domandiamo che fine abbiano fatto queste promesse. Noi leghisti chiedermo all'Amministrazione di tutelare allo stesso modo tutti i cittadini, senza discriminazioni di classe. Vogliamo che tutto il Consiglio Comunale impegni l'Amministrazione a non applicare tariffe differenziate per i servizi a domanda individuale, svincolando le tariffe dal criterio di suddivisione in fasce collegate al parametro ISEE.


Saronno si deve opporre alla Tesoreria unica per salvare sociale, cultura e sport cittadini

Nella prossima seduta di mercoledì 11 aprile la Lega Nord saronnese promuove un'azione a difesa dei soldi dei saronnesi, per fare in modo che si possano continuare a pagare le aziende che lavorano per il Comune e prestare soccorso agli indigenti. Se questi soldi non saranno più nelle nostre casse - ribadisce il capogruppo leghista *Angelo Veronesi* membro della commissione cultura e sociale, il Comune si troverà a chiederli ogni volta a Roma. L'Amministrazione potrebbe avere serie difficoltà nel finanziare le associazioni sportive, quindi molti ragazzini potrebbero rimanere in strada. A Saronno esistono molte realtà sociali e culturali che collaborano attivamente con il Comune per promuovere il benessere sociale e sanitario di saronnesi malati o con problemi lavorativi. Non avere più in mano i nostri soldi peggiorerebbe la situazione, dato che l'Amministrazione non avrebbe più la certezza di poter spendere i soldi dei nostri concittadini senza l'autorizzazione del Governo Monti. Avremmo un ente locale commissariato di fatto e ingessato in ogni possibilità di rilancio economico o di aiuto sociale.

La richiesta del Governo Monti di drenare tutta la liquidità dei Comuni presso la Tesoreria Unica Statale va contro i principi di autonomia finanziaria e di sussidiarietà riconosciuti agli Enti Locali dalla Costituzione della Repubblica - conferma il consigliere leghista *Raffaele Fagioli* primo firmatario della mozione. Vogliamo che il Consiglio Comunale saronnese segua altri Comuni come Venezia, Varese esprimendo la propria ferma contrarietà al trasferimento delle disponibilità liquide del Comune di Saronno alla Tesoreria Unica Statale.

Le riforme introdotte per merito della Lega Nord nella Costituzione della Repubblica hanno affermato alcuni principi federalisti. Il ritorno al vecchio sistema di tesoreria unica toglierebbe agli Enti Locali la disponibilità diretta delle proprie risorse depositate presso il sistema bancario. La tesorieria del Comune potrà e dovrà soltanto curare pagamenti e riscossioni, senza però potere gestire la liquidità dell’Ente. Ciò è una grave limitazione dell’autonomia degli Enti Locali così privati di un importante strumento di gestione finanziaria che è risultata ampiamente vantaggiosa per le casse pubbliche negli ultimi anni.

La nostra mozione - afferma il consigliere del Carroccio *Raffaele Fagioli*- vuole impegnare il Sindaco e la Giunta ad intraprendere tutte le iniziative, in sede giudiziale e/o stragiudiziale, finalizzate all'accertamento dell'insussistenza dell'obbligo di trasferimento di cui all'art.35, commi 9 e 10 D.L.24.01.2012 n.1. provvedimenti. Ad interpellare l’ufficio legale del Comune,  dandogli mandato di esperire la possibilità di rescindere il contratto e chiedere un risarcimento danni avverso all'attuale Tesoriere comunale che ha provveduto entro il 29/2/2012 a trasferire le disponibilità liquide del Comune di Saronno alla Tesoreria Unica. Vorremmo che il Comune protegga i propri risparmi trasmettendo la mozione ai Parlamentari del territorio e al Governo per richiedere l’eliminazione dell’obbligo di versamento alla Tesoreria Unica Statale delle disponibilità attualmente in capo agli Enti Locali, così come previsto all’articolo 35, comma 8 e seguenti del DL 24 gennaio 2012, n.1.

 

 

  http://www.prov-varese.leganord.org/tuasez.asp?str#...]

 

 

 

 

Working2000.it

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.