Saronnopiu.com - Il portale delle aziende e dei negozi di Saronno e dintorni

Frase esatta: Sí No     Ricerca avanzata

 

G.A.P. SARONNO alla Milano City Marathon 11/04/2010

Notizia letta 1820 volte
Articolo in: - Archivio 2009/2015  

Saronno

Ale Rossini - andocorri.blogspot.com 15/04/2010

G.A.P. SARONNO alla Milano City Marathon 11/04/2010 Ale Rossini - andocorri.blogspot.com
Nutrita partecipazione del G.A.P. SARONNO...
Come direbbero i bravi giornalisti: "...alla manifestazione meneghina sulla distanza regina".
La nostra maratona di Milano parte da molto lontano, ancora in autunno inoltrato quando iniziai a martellare con l'importanza di poter correre una grande maratona, per alcuni la prima, vicino a casa. Ho sempre voluto bene alla maratona di Milano, un po' perché la sento la mia città, un po' perché il mio Pers. Best sulla distanza l'ho ottenuto qui alcuni anni fa, oserei dire troppi...e poi perché sostengo che mollando il colpo causa "l'insofferenza" dei milanesi non si sarebbe fatto altro che avallare la loro insulsa e arrogante ragione ed un runner invece non molla, mai o quasi mai!
 

Sono contento che il messaggio sia stato recepito dal gruppo anche grazie all'appoggio di Marco che ha ben amplificato la mia voce. In poco tempo avevamo raggiunto un numero considerevole di iscrizioni che poco prima di Natale formalizzai. A questo punto non ci restava che allenarci! La preparazione di una maratona è sempre un po' logorante non solo dal punto di vista fisico ma anche psicologico ma può essere anche molto incentivante poter riscontrare i progressi strada facendo. E così ridendo e scherzando i 3 mesi della preparazione sono passati non senza problemi più o meno piccoli ma senza farne un dramma perché correre deve essere un piacere e non un lavoro! Al ritiro dei pettorali e pacchi gara ho potuto riscontrare come il Marathon Village avesse un'impronta molto internazionale come giustamente deve avere una città come Milano. Il fatto che Linus avesse avuto il coraggio di "mettere la faccia" sul progetto MCM2010 deponeva a suo favore e a conti fatti devo dire che la sua impronta si è ben vista considerati tanto per cominciare i 7.336 arrivati! Certo di migliorie se ne possono ancora apportare a cominciare dalla partenza (pochi bagni e spogliatoi e lunghe distanze da coprire a piedi) ma nel complesso il cambiamento si è visto e penso che siamo sulla strada giusta per far diventare grande la Maratona di Milano. La giornata aveva una temperatura perfetta per correre se non fosse per quelle fastidiose raffiche di vento, quasi quasi avrei preferito delle raffiche di mitra! Alla fine abbiamo terminato in 10 ma il "bottino" poteva essere ben più rotondo se gli infortuni non avessero impedito a Simone, Filippo, Vincenzo e Pierangelo di partecipare anch'essi alla manifestazione milanese. Osvaldo, a corto d'allenamento optava prudentemente per la mezza. Era la prima esperienza per Roberto F, Fabio, Daris, Marco e Stefania, la prima donna della ns. società a cimentarsi sui 42,195 km! Jorge purtroppo si è dovuto arrendere ai crampi quando mancavano 5 km all'arrivo. Mentre Roberto F terminava la sua fatica poco sotto le 5 ore gli altri giungevano al traguardo "all together" allo scoccare delle 4 ore e 30' dimostrando grande spirito di gruppo e solidarietà. Più o meno tutti accusavamo un calo nel finale, da Franco al sottoscritto ma nonostante ciò Roberto B. ed Ermes riuscivano a migliorare il loro Best. Personalmente avrei voluto scrivere un'altra storia. In orario con la mia tabella fino al 34° km, forse una velocità di crociera leggermente sopra la mia soglia mi faceva spegnere la luce ed allora diventava il calvario che avevo vissuto altre volte e terminavo quindi molto provato fisicamente e moralmente ma oggi dopo essermi ampiamente rifocillato e dopo una sgambata di 6 km sto già meglio e progetto nuove avventure, because is always time to RUN!
Ale Rossini

 

 

  http://andocorri.blogspot.com/2010/04/gap-saronno-#...]

 

 

 

 

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.