Saronnopiu.com - Il portale delle aziende e dei negozi di Saronno e dintorni

Frase esatta: Sí No     Ricerca avanzata

 

Il Giorno della Memoria: per non dimenticare

Notizia letta 2489 volte
Articolo in: - Comunicati  

Saronno

Ufficio stampa del Teatro Giuditta Pasta 12/01/2011

Il Giorno della Memoria: per non dimenticare Ufficio stampa del Teatro Giuditta Pasta

Il Teatro Giuditta Pasta di Saronno: in occasione del "Giorno della Memoria 2011", Martedì 18 gennaio 2011 - ore 21.00 presenta L'Associazione Culturale Otto&Marvuglia in DESTINATARIO SCONOSCIUTO dal romanzo di Katherine Kressmann Taylor

 

Teatro Giuditta Pasta di Saronno:
in occasione del "Giorno della Memoria 2011", Martedì 18 gennaio 2011 - ore 21.00

Associazione Culturale
Otto&Marvuglia in

DESTINATARIO
SCONOSCIUTO

dal romanzo di Katherine Kressmann Taylor
con Massimiliano Lotti e Marco Pagani
regia di Gabriele Calindri

Un'iniziativa per non dimenticare.

«La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell'abbattimento dei cancelli di Auschwitz, "Giorno della Memoria", al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.»

Nel 1938 la rivista «Story» di New York pubblica un breve romanzo epistolare firmato da Katherine Kressmann Taylor: Destinatario sconosciuto, un viaggio agli albori del razzismo. È costituito dalle lettere che due amici e soci in affari (Max, ebreo americano e Martin, tedesco) si spediscono in un arco di tempo che va dal 12 novembre 1932 al 3 marzo 1934; l'ombra del nazismo, si espande sul destino dei due amici. Martin guarda con diffidenza, poi con crescente entusiasmo, al futuro della nuova Germania. L'affetto tra i due amici si incrina, i contrasti ideologici precipitano fino a diventare insanabili e a raggiungere una svolta clamorosa, che determina la conclusione di questa "piccola" tragedia umana, impossibile da dimenticare.

"Gabriele Calindri, con bella scelta, porta in scena il romanzo, protagonisti Marco Pagani, l' ebreo Max, e Massimiliano Lotti, il suo socio Martin. La storia non è certo solo quella di amicizia tradita, ma di umanità tradita, negata, vilipesa, oltraggiata da quel male dello spirito che è il razzismo. Forse il regista ha smussato un po' la durezza del testo, ma lo spettacolo, ben recitato dai due bravi attori, ben si snoda lungo un percorso di sentimenti con un terribile finale a sorpresa."
Magda Poli, Corriere della Sera (24 gennaio 2003)

Incontro con gli attori alle ore 18.00 presso il foyer del teatro
(è gradita gentile conferma allo 02.96.70.19.90)

 

 

  http://www.teatrogiudittapasta.it#...]

 

Teatro Giuditta Pasta
via I maggio snc - 21047 Saronno VA
Tel: +39 02.96.70.19.90
Fax: +39 02.96.70.20.09
segreteriaorganizzativa@teatrogiudittapasta.it
ufficiostampa@teatrogiudittapasta.it
www.teatrogiudittapasta.it

 

 

 

 

Working2000.it

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.