Saronnopiu.com - Il portale delle aziende e dei negozi di Saronno e dintorni

Frase esatta: Sí No     Ricerca avanzata

 

Italiani si nasce e noi lo nacquimo

Notizia letta 1527 volte
Articolo in: - Spettacolo  

Saronno

Ufficio Stampa teatro Giuditta Pasta 19/01/2010

Italiani si nasce e noi lo nacquimo Ufficio Stampa teatro Giuditta Pasta

"Cosa succederebbe se improvvisamente Garibaldi e Vittorio Emanuele II scendessero dalle loro statue e si facessero un giro per l'Italia di oggi?" Ecco cosa si sono chiesti Maurizio Micheli e Tullio Solenghi scrivendo "Italiani si nasce ...e noi lo nacquimo", lo spettacolo che replicherà dal 29 al 31 gennaio 2010 al teatro Giuditta Pasta di Saronno.

 

La risposta è un divertentissimo "varietà del terzo millennio" che celebra in maniera scherzosa i 150 anni dell'Unità del Belpaese. In scena, oltre ai due capocomici, una compagnia di sei attori, scenografie curate, travestimenti a volontà, trucchi, parlate dialettali e tanta musica.
Per vedere il video di presentazione dello spettacolo cliccate qui.

Ancora buoni posti disponibili (soprattutto nelle repliche di venerdì 29 e domenica 31 sera) acquistabili on line o direttamente in biglietteria nei seguenti giorni e orari:
mercoledì dalle ore 11.00 alle ore 17.00;
giovedì e venerdì dalle ore 15.00 alle ore 18.00;
sabato dalle ore 11.00 alle ore 17.00.
Per informazioni: 02.96.70.21.27.

Inoltre ricordiamo altri due importanti appuntamenti:

ultimi due giorni disponibili per iscriversi (l'ingresso è libero) all'incontro preparatorio all'opera "Rigoletto" (in scena venerdì 5 febbraio) che si terrà venerdì 22 gennaio alle ore 21.00, presso la Sala Nevera (nel cortile di Casa Morandi, viale Santuario 2). Per iscriversi e avere maggiori informazioni, leggete la news completa qui;
il primo spettacolo in programma nella stagione Altri Percorsi, "Lulù", è stato anticipato a mercoledì 3 febbraio. Per chi non lo avesse ancora fatto è possibile sottoscrivere gli ultimi abbonamenti!

 

 

  http://www.teatrogiudittapasta.it #...]

 

ITALIANI SI NASCE E NOI LO NACQUIMO
Venerdì 29 e sabato 30 gennaio - ore 21.00
Domenica 31 gennaio - ore 15.30 e ore 21.00

Maurizio Micheli e Tullio Solenghi in:
ITALIANI SI NASCE E NOI LO NACQUIMO
di M. Micheli e T. Solenghi
collaborazione ai testi di Marco Presta
consulenza artistica di Michele Mirabella
regia di Marcello Cotugno

La drammaturgia è un pretesto per dar vita a una carrellata di irresistibili personaggi, storici, leggendari o di fantasia: Adamo ed Eva (italiani, secondo gli autori), Leonardo, Colombo, Casanova, Leopardi, due cristiani che stanno per essere sbranati dai leoni del Colosseo, due santi alla continua ricerca di fedeli... Insomma, uno spassoso campionario di rappresentanti dell' "italianità" più genuina.

"Italiani si nasce" è uno spettacolo che non delude, in primo luogo grazie all'eccezionale talento dei due protagonisti, amici da sempre, per la prima volta insieme in palcoscenico.

Maurizio Micheli, livornese, è diplomato alla scuola del Piccolo Teatro di Milano. Ha interpretato numerosi spettacoli teatrali diretto da grandi registi (Chéreau, Aldo Trionfo) ed è stato protagonista di show televisivi e films (di Ettore Scola, Nanny Loy, Steno, Dino Risi). Il suo "Mi voleva Strehler", scritto con Umberto Simonetta nel 1978, ha guadagnato lo statuto di monologo-cult, tanto che è ancora oggi in scena, con oltre 1000 repliche all'attivo.

Tullio Solenghi ha studiato recitazione alla scuola del teatro Stabile di Genova, dove ha conosciuto Massimo Lopez. Con lui e Anna Marchesini ha fondato il celebre Trio, uno dei gruppi comici più applauditi del nostro Paese (memorabile la loro parodia dei "Promessi sposi" del 1990). Nel 1994 il Trio si è sciolto e Solenghi ha proseguito la sua carriera da solo, tra impegni in tv ("Striscia la notizia") e a teatro ("L'ultima radio" di Sabina Negri).

Intero € 25,00 - ridotto € 23,00

 

 

 

 

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.