Saronnopiu.com - Il portale delle aziende e dei negozi di Saronno e dintorni

Frase esatta: Sí No     Ricerca avanzata

 

L'estate senza birrettina fredda del Comune di Saronno

Notizia letta 3330 volte
Articolo in: - Editoriali  

Saronno

Lentiacontatto 31/07/2013

L'estate senza birrettina fredda del Comune di Saronno  Lentiacontatto
La politica, anche quella amministrativa da sempre nelle sue pieghe nasconde "visioni" e "valori". Io, da inguaribile idealista, credo che dovrebbe sempre e comunque concorrere a migliorare l'esistente immaginando o prefigurando un futuro diverso... Cos'è il grande riformismo se non questo? Preannunciando il caldo afoso di questa estate, a Saronno, due diversi fatti purtroppo ci indicano, inequivocabilmente che questa Amministrazione, pur nata per cambiare, si è mossa in senso opposto e contrario: l'approvazione del PGT e un' Ordinanza del Sindaco sul "consumo degli alcolici"
 

Spropositato il rapporto,  il peso tra i due fatti, tanto che il primo, nella contemporaneità degli avvenimenti, ha completamente oscurato il secondo. Anche perché mentre il PGT è stato oggetto a più riprese di discussioni e anche aspri scontri tra le forze di maggioranza e in Consiglio Comunale, il secondo è stato licenziato dopo solo un passaggio in giunta, con l’attenzione tutta rivolta al PGT.

Però ambedue  ci danno la perdita di senso e di valore del percorso di questa amministrazione. Sul Pgt ho già riportato il Comunicato di Sinistra Saronnese e l’intervento di Angelo Proserpio, prima delle sue dimissioni da consigliere comunale.  Qui vorrei spiegare la mia contrarietà profonda al secondo che pur nella sua marginalità sembra denunciare, se fosse possibile, una logica “conservatrice e subalterna” addirittura peggiore.

L’ordinanza, che credo tutti conosciate, vieta il consumo di bevande alcoliche, nelle strade, piazze, giardini o parchi pubblici; gli agenti di polizia locale  e delle forze dell’ordine sono chiamati a farla rispettare con il pagamento “in via breve” di una multa di 100 euro.

Questo contestualmente all’apertura estiva  del bar nei giardini di Villa Gianetti, comunali, e del chiosco nei giardini di Casa Morandi… E di fatti l’ordinanza precisa che il divieto esclude i “plateatici” concessi a chioschi e pubblici esercizi.

Quindi la lattina di birra comprata e bevuta  sui tavolini all’aperto di uno dei bar di piazza Libertà o nei giardini comunali diventa, solodieci metri più in là,  su una panchina comunale o all’ angolo della stessa piazza, illegale, multabile.

Ciò che può essere comprato per  40 centesimi a un qualsiasi “iper” e consumato in compagnia al fresco degli alberi è multabile, ciò che invece viene comprato e consumato  nello spazio “privato” necessariamente ad almeno  3 euro e 50 non lo è più…

Qual è la logica ?

Per provare a capirla bisogna andare a leggere le premesse contenute nell’ Ordinanza.

“Ritenuto che il consumo di bevande alcoliche in spazi pubblici cittadini in particolare se operato da persone inoperose e nullafacenti ha generato una situazione di degrado ambientale…”

Ora considerando ovvio che, in genere chiunque, in qualunque posto, beva una birra e si intrattiene con altri a chiacchierare sia, in quel momento, inoperoso e nullafacente, si direbbe che l’ordinanza consideri  qui l’inoperosità e il nullafacente come status sociale.

È indubbio che episodi di degrado, lattine per terra nei giardini, sporcizia ed altro ci siano stati e probabilmente ci saranno, ma perché non sanzionare questi comportamenti e sanzionare invece il consumo di bevande alcoliche ? Perché non utilizzare le norme del regolamento urbano e del codice civile che già esistono e che tutelano la “cosa comune”?

Perché poi attribuirli, sotolineandolo, necessariamente ai nullafacenti ?

Ma soprattutto perché non adottare una strategia di controllo sul territorio che al posto di un’ ordinanza “Borbonica” non applichi il criterio della prevenzione e del controllo ?

Si perché l’altro aspetto,  questo si degradante per l’idea stessa di amministrazione pubblica, di questo modo di procedere è che una volta emessa l’ordinanza la si applica con la dovuta discrezionalità.  Finita casomai l’emergenza, in cui i vigili fanno qualche presenza in più sul territorio, il controllo sparisce… Ma tu suddito sai che avrai un motivo in più per temere, dovrai tener gli occhi bassi e perdere un altro pezzetto della tua libertà…

Chiunque anche il più educato dei cittadini, gli operai rumeni che la sera si intrattengono nei giardini sotto casa mia con la loro birra a chiacchierare dopo il lavoro, le famiglie sudamericane che animano i giardini dell’aquilone il sabato pomeriggio… Tutti sono potenzialmente in torto, sudditi e non cittadini.

Ma tu suddito hai da temere… non l’ avvocato, l’ ingegnere, il dottore che con la stessa lattina di birra in mano, solo più fresca e più costosa, si allontana di quei fatidici metri dal tavolino del bar per ritrovarsi a bere alcolici in una pubblica strada. Probabilmente lui no…

C’è la regola, draconiana, c’è la discrezionalità… L’importante è che chi deve temere, tema la sanzione.

L’ importante è che i nullafacenti inoperosi, disoccupati, giovani precari senza una lira in tasca, marginali o clochard si debbano nascondere  agli occhi della città perbene.

Ed ecco la logica spietata di questa ordinanza: ciò che è permesso alla gente “bene” non è permesso agli altri:

È tutta lì: “in particolare inoperosi e nullafacenti”.

È  inquietante perché indica in modo esplicito la sua matrice di “classe”, si sarebbe detto una volta.

A loro si  attribuiscono i problemi di degrado ambientale, non ai costruttori, speculatori, faccendieri, bempensanti che hanno reso e rendono questo paese invivibile…

Proprio lì, da dove questa  ordinanza ha preso le mosse. Da Piazza De Gasperi, un non luogo urbano, una terra senza confine al centro della città, nata rispondendo solo ed esclusivamente alle necessità della speculazione edilizia, alla valorizzazione dei suoli, gestita dai vari governi democristiani del passato.

Ma noi abbiamo dimenticato, siamo pronti a dimenticare e con l’ultimo PGT abbiamo già riconfermato la priorità della rendita immobiliare, la rivalutazione dei suoli come bussola su cui continuare ad amministrare senza discontinuità alcuna con il passato.

Tanto ci saranno sempre, e forse di più, dei “nullafacenti inoperosi” su cui rivalersi un domani.

Forse, andando ad ascoltare le parole di Don Gallo, caro Luciano,  spero tu comprenda come anche una banale "ordinanza" nasconda alle volte delle scelte di campo importanti, oltre ad una idea di città.

Dario L.

 

 

  http://lentiacontatto.wordpress.com/2013/07/31/l-e#...]

 

 

 

 

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.