Saronnopiu.com - Il portale delle aziende e dei negozi di Saronno e dintorni

Frase esatta: Sí No     Ricerca avanzata

 

L'affluenza della gente non è merito delle domeniche senz'auto

Notizia letta 3090 volte
Articolo in: - Comunicati  

Saronno

Ufficio Stampa e Segreteria di Direzione - Confcommercio Ascom S 06/03/2013

L'affluenza della gente non è merito delle domeniche senz'auto Ufficio Stampa e Segreteria di
Abbiamo appreso dalla stampa il commento del sindaco Luciano Porro in merito alla questione delle domeniche senz'auto della scorsa domenica, per cui si chiama in causa il presidente Ascom, Antonio Renoldi.
 

Doveroso è qualche chiarimento in merito. Il presidente Antonio Renoldi è contrario al blocco totale del traffico (se non strettamente necessario) e giustifica le domeniche a piedi se correlate ad una corretta pianificazione ed efficiente comunicazione alla cittadinanza. La differenza la fa’ la correlazione: Domeniche a piedi con un evento all’interno della Ztl.

“È vero che domenica in centro a Saronno c’era una notevole affluenza di gente, probabilmente per l’evento programmato, ma non si può affermare che il blocco del traffico agevola il commercio locale” ribatte Antonio Renoldi, presidente di Confcommercio Ascom Saronno “Il blocco del traffico, se deve essere necessariamente attuato (si veda l’aumento di PM10), deve garantire due cose fondamentali: l’accesso ai parcheggi così da non penalizzare i consumatori ed in secondo luogo è indispensabile comunicare con congruo anticipo il blocco stesso, così da non comportare disagi agli esercenti” e prosegue ancora “Resta comunque ferma la nostra opinione per cui il blocco del traffico genera confusione e un probabile calo delle vendite”.

Lo confermano le testimonianze di alcuni passanti che frequentano la piazza di Saronno: “blocco del traffico” è sinonimo di “non accessibilità totale” al centro.

Sta’, quindi, a chi di dovere, coordinare e pianificare in modo coscienzioso questi blocchi, anche con il fine di agevolare il commercio locale. “A questo proposito lancio qualche spunto di riflessione all’Amministrazione comunale: rendere fruibile il parcheggio di piazza Unità d’Italia e soprattutto chiamare le cose come sono, “domeniche a piedi” e non “blocco del traffico”. Questo porta demotivazione fra la gente a quindi un allontanamento dalla Ztl di Saronno”.

Prosegue Antonio Renoldi: “Di fatto, non tutti i passanti sono certi clienti del nostro negozio e forse, in alcune circostanze, la passeggiata salutare che suggerisce il primo cittadino, potrebbe essere superata in virtù della crisi economica che caratterizza questi tempi. L’economia non gira più come una volta. Al giorno d’oggi bisogna creare attrattive nella Ztl per creare un valore aggiunto alla città”.

In merito alla polemiche avanzata da alcuni pubblici esercizi, Renoldi afferma: “Comprendo bene la reazione che questi commercianti hanno avuto, ma forse, sarebbe stato più utile informare l’Associazione di categoria per concordare e agire insieme”.

Infine, rivolgendosi al Sig. Sindaco, afferma: “Facciamo bene attenzione al fatto che: se domenica in Saronno c’era gente non è correlato ne all’efficacia del blocco del traffico ne tantomeno significa che Ascom sia favorevole a questo tipo di iniziative!”.


http://www.ascomsaronno.it/news/default.asp?pagina=3&id_news=6180

Comunicato n.: 5/2013 - Protocollo n.: 30 del 06/03/2013
Data: Saronno, 06 marzo 2013
Fonte: Ufficio Stampa e Segreteria di Direzione - Confcommercio Ascom Saronno
Autore: Ufficio Stampa - Segreteria di Direzione

 

 

  http://www.ascomsaronno.it/news/default.asp?pagina#...]

 

 

 

 

  • Busto Arsizio
  • Caronno Pertusella
  • Ceriano Laghetto
  • Cerro Maggiore
  • Cesate
  • Cislago
  • Cogliate
  • Gerenzano
  • Lazzate
  • Lomazzo
  • Misinto
  • Origgio
  • Provincia di Como
  • Provincia di Milano
  • Provincia di Varese
  • Rovellasca
  • Rovello Porro
  • Solaro
  • Turate
  • Uboldo
Working2000.it

 

Coronavirus: le informazioni e aggiornamenti dal Ministero della Salute

 

Numero verde: 1500

 

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.