Saronnopiu.com - Il portale delle aziende e dei negozi di Saronno e dintorni

Frase esatta: Sí No     Ricerca avanzata

 

Risposta dell'Assessore Nigro ad alcune dichiarazioni apparse sulla Stampa locale

Notizia letta 4430 volte
Articolo in: - Politica  

Saronno

Comune di Saronno / Giuseppe Nigro 21/03/2012

Risposta dell'Assessore Nigro ad alcune dichiarazioni apparse sulla Stampa locale Comune di Saronno / Giuseppe Nigro
Le dichiarazioni degli esponenti della Lega Nord di Saronno secondo cui il Sindaco Porro e l'Assessore Nigro non si occuperebbero a sufficienza delle questioni della sicurezza della città sono destituite di fondamento.
 

Si vorrebbe far credere che è istituita presso il Comune di Saronno una Commissione Sicurezza (sic!). A tale riguardo si informa che non esiste alcuna Commissione in tal modo denominata. La Commissione Cultura, Servizi alla Persona e alla Comunità si occupa delle seguenti materie: “Cultura, sport, istruzione, tempo libero, giovani, formazione, servizi alla persona, famiglia, solidarietà sociale e sicurezza”, che, come è possibile leggere, va riferita al tema della sicurezza sociale.

Pertanto è del tutto pretestuoso imputare all’assessore Nigro omissioni nell’informare gli organismi preposti in materia di sicurezza e legalità, materie che non rientrano nelle competenze di questa commissione. Al contrario Sindaco e Assessore, che dedicano molta attenzione al tema della sicurezza, sono in costante relazione con le forze dell’ordine a cui compete il controllo del territorio. La microcriminalità di cui si legge sugli organi di stampa che Lega Nord tenta di strumentalizzare con le esasperazioni di sempre è costantemente monitorata dalle forze dell’ordine che ci risulta abbiano ottenuto negli ultimi mesi non pochi successi.

Cordiali saluti
L’ Assessore alla Polizia Locale, Prevenzione e Sicurezza
Prof. Giuseppe Nigro

 

 

  http://www.comune.saronno.va.it#...]

 

 

 

 

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.