Saronnopiu.com - Il portale delle aziende e dei negozi di Saronno e dintorni

Frase esatta: Sí No     Ricerca avanzata

 

Furti nelle case e clandestini nelle aree dismesse: Saronno insicura.

Notizia letta 3898 volte
Articolo in: - Politica  

Saronno

Angelo Veronesi - Lega Nord 20/03/2012

Furti nelle case e clandestini nelle aree dismesse: Saronno insicura. Angelo Veronesi - Lega Nord
Il Sindaco Luciano Porro in quasi due anni dal suo insediamento non ha fatto nulla per la nostra città in termini di Sicurezza - sostiene il consigliere leghista Claudio Sala- e non mi riferisco certamente ai provvedimenti sul 30 km/h.
La Lega Nord saronnese presenterà una interpellanza nel prossimo Consiglio comunale.
 

A Saronno non si discute più di Sicurezza, sebbene ve ne sia bisogno data l'innumerevole scia di furti nelle case e la presenza di clandestini nelle aree dismesse abbandonate -gli fa eco il capogruppo leghista Angelo Veronesi: l'Amministrazione aveva promesso di occuparsi di Sicurezza, ma la “Commissione per la Cultura, Servizi alla Persona e alla Comunità” incaricata dal Consiglio Comunale di occuparsene, non è mai stata convocata per discutere di questo argomento. L'assessore competente Giuseppe Nigro – rivela il leghista Angelo Veronesi- non ha mai portato alcun argomento in commissione, depotenziandola di fatto, in spregio alle promesse fatte al Consiglio Comunale. La Lega Nord saronnese presenta quindi una interpellanza per tornare a occuparsi di queste tematiche nel prossimo Consiglio Comunale.

La nostra interpellanza prende le mosse dai recenti episodi che hanno visto coinvolte le aree dismesse abbandonate – spiega il leghista Claudio Sala. Queste zone risultano facili asili per clandestini e delinquenti. La messa in sicurezza di queste “oasi” è un dovere da parte di questa Amministrazione. Non si può continuare a negare l'evidenza!

L’Amministrazione non ha fatto capire che sul territorio Saronnese non c’è spazio per chi delinque – ribadisce il leghista Claudio Sala -. Siamo sempre alle solite: la Lega Nord invoca un maggior controllo del territorio e cosa fa l’Amministrazione Porro? Minimizza! Cerca con le parole e la filosofia di tranquillizzare i cittadini – ironizza il consigliere del Carroccio Claudio Sala esortando a seguite la ricetta leghista: i cittadini hanno bisogno di fatti e non di parole.

La percentuale di furti nei quartieri cittadini è aumentata a dismisura, e una buona amministrazione deve -sottolinea il consigliere leghista Claudio Sala- garantire la sicurezza del territorio. Abitazioni saccheggiate, garage scassinati, bancomat fatti esplodere, automobili danneggiate: sono questi i risultati di due anni di Amministrazione Porro, a cui si aggiungono i muri della città, tappezzati da scritte di ogni genere!

Questa incapacità nella gestione della sicurezza – accusa il leghista Claudio Sala - sta creando seri problemi al nostro territorio. Non si può sempre accusare la Lega Nord di fare propaganda politica su temi delicati come quello della prevenzione. I fatti parlano da soli e si mormora che molti cittadini stiano tempestando il municipio di e-mail e reclami. Siamo curiosi di vedere in quale modo questa volta verrà minimizzata questa grave situazione, magari proprio dall'Assessore competente Giuseppe Nigro.

Le forze dell’ordine si fanno già in quattro, ma serve che anche l’Amministrazione inizi ad attuare provvedimenti, iniziando proprio dalle aree dismesse abbandonate ed imponendo ai proprietari la totale messa in sicurezza.

La Lega Nord – conclude Claudio Sala – ha un motto che questa Amministrazione dovrebbe far suo: “Padroni a Casa Nostra”, in modo che inizi ad attuare sin da subito dei seri provvedimenti in materia di sicurezza cittadina.

 

 

  http://www.circ-saronno.leganord.org/#...]

 

Interpellanza del consigliere comunale Claudio Sala

Alla cortese attenzione
dott. Luciano Porro
Sindaco del Comune di Saronno
Gentili Sig.re e Egregi Sig.ri
Assessori competenti
e p.c.
dott. Augusto Airoldi
Presidente del Consiglio Comunale
di Saronno
Oggetto: Interpellanza urgente sulla presenza di clandestini nelle aree dismesse
Premesso che
1. Apprendiamo a mezzo stampa che sono state salvate 15 vite umane consegnando 15 sacchi a pelo termici;
2. La vita umana ha un valore inestimabile;
3. Le vite umane in questione, salvate grazie al predetto intervento, sembra occupassero abusivamente le aree dismesse della città;
4. Bisogna garantire la sicurezza della città monitorando anche la presenza di clandestini all’interno delle aree dismesse. Considerato che
1. Già l'allora commissario prefettizio aveva inviato una lettera ai proprietari delle aree dismesse chiedendo loro di metterle in sicurezza;
2. La straordinaria perturbazione climatica, che ha portato le temperature stagionali ad una drastica diminuzione (-15°C), era stata prevista con largo anticipo dagli enti meteorologici preposti;
3. La presenza di clandestini nelle aree ex-industriali è fonte di insicurezza sia per loro, sia per gli altri cittadini;
4. Le aree ex-industriali dismesse necessitano di essere monitorate al fine della legalità e della sicurezza cittadina.
Chiediamo
1. Di conoscere le motivazioni per cui molte aree dismesse abbandonate non siano ancora state messe in sicurezza;
2. Di sapere quali controlli stia mettendo in atto questa Amministrazione per monitorare la presenza di persone che dimorano all'interno delle aree dismesse abbandonate;
3. Perché non sia stato studiato un piano per evitare di trovare persone insediate abusivamente nelle aree ex-industriali abbandonate in un momento di allerta meteo;
4. Cosa intenda fare questa Amministrazione per rendere sicure le aree dismesse abbandonate.

Sarònn, 16/03/2012

 

 

 

 

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.