Saronnopiu.com - Il portale delle aziende e dei negozi di Saronno e dintorni

Frase esatta: Sí No     Ricerca avanzata

 

Il Popolo Ucraino festeggia il 22° anno di indipendenza

Notizia letta 3317 volte
Articolo in: - Associazioni  

Provincia di Varese

Associazione di Promozione Sociale Anna - Sofia 18/09/2013

Il Popolo Ucraino festeggia il 22° anno di indipendenza Associazione di Promozione Sociale Anna
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione di Promozione Sociale "Anna - Sofia", presieduto da Alina Bizhyk, ha presentato sabato scorso, alla presenza di alcuni Soci e Sostenitori, presso la sede operativa di via Maspero, 20 a Varese, il programma delle iniziative previste per festeggiare il 22° anniversario di indipendenza dell'Ucraina.
 

In occasione di tale evento, che si terrà nell'ultima decade del corrente mese di settembre, verrà organizzata anche una mostra di oggetti e manufatti realizzati dalle donne ucraine e verrà presentato il libro di Maria Hayday sul tema della sua esperienza personale ed anche di altri immigrati in Italia.
Vi saranno inoltre alcune testimonianze del periodo pre indipendenza in Ucraina.

Associazione di Promozione Sociale "ANNA - SOFIA"
Sede Operativa c/o C.V.V. - Coordinamento Volontariato Varese
Via Maspero, 20 - 21100 Varese


Presentata dall'Associazione di Promozione Sociale "ANNA - SOFIA" la Festa
"Il Popolo Ucraino festeggia il 22° anno di indipendenza dell'Ucraina"

Domenica 22 settembre 2013 dalle ore 15.00 alle ore 19.00


Il Consiglio Direttivo dell'Associazione di Promozione Sociale "Anna - Sofia", presieduto da Alina Bizhyk, ha presentato sabato scorso, alla presenza di alcuni Soci e Sostenitori, presso la sede operativa di via Maspero, 20 a Varese, il programma delle iniziative previste per festeggiare il 22° anniversario di indipendenza dell'Ucraina.

In occasione di tale evento, che si terrà nell'ultima decade del corrente mese di settembre, verrà organizzata anche una mostra di oggetti e manufatti realizzati dalle donne ucraine e verrà presentato il libro di Maria Hayday sul tema della sua esperienza personale ed anche di altri immigrati in Italia.
Vi saranno inoltre alcune testimonianze del periodo pre indipendenza in Ucraina.
Un piccolo buffet concluderà la giornata di Festa  .

Seguirà ulteriore comunicato con la data ed il programma definitivi.
L'Associazione, fondata nel 2008 da Alina Bizhyk che ne è ancora attualmente presidente, ha lo scopo di favorire l'integrazione degli stranieri in Italia attraverso l'insegnamento della lingua e della cultura italiana garantendo agli immigrati gli strumenti che permettano loro di conoscere il paese ospitante per interagire con i suoi cittadini ed affrontare i problemi burocratici ed amministrativi.
Sono iscritti all'Associazione non solo socie e soci ucraini e di altre nazionalità ma anche numerosi soci e socie italiani.

Le iniziative di quest'anno si sono svolte attraverso corsi di lingua italiana comprendente anche nozioni sulle attività di governante, istruzioni su PC e skype, informazioni su cucina per anziani, corsi di base di lingua russa per italiani ed altre attività. Sono state anche numerose le gite e visite culturali realizzate durante gli ultimi mesi.

L'inaugurazione ufficiale della sede operativa dell'Associazione presso il CVV - Coordinamento Volontariato Varese di Via Maspero è avvenuta nello scorso mese di marzo ed ha visto la significativa presenza del viceconsole del Consolato Generale dell'Ucraina di Milano Svitlana Savchuk che ha evidenziato l'importanza di avere questa Associazione come punto di riferimento e di appoggio sul territorio. I residenti ucraini in provincia di Varese sono oltre 3.700 (circa 42 mila in Lombardia e oltre 200.000 in Italia).

Per informazioni sulle finalità, attività e sui corsi dell'Associazione:
annasofiavarese@gmail.com
Cell. 3497508972

Varese, 2 settembre 2013

 

 

 

 

 

Working2000.it

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.