Saronnopiu.com - Il portale delle aziende e dei negozi di Saronno e dintorni

Frase esatta: Sí No     Ricerca avanzata

 

Il Tocco del Suono - Sculture sonore ed interattive di Ruggero Marrani

Notizia letta 4706 volte
Articolo in: - Arte e Cultura  

Saronno

Museo Gianetti - Saronno 08/03/2012

Il Tocco del Suono - Sculture sonore ed interattive di Ruggero Marrani Museo Gianetti - Saronno
Quarto appuntamento del calendario relativo alle mostre temporanee del Museo Gianetti di Saronno. Questa volta lo spazio temporaneo del museo ospiterà Ruggero Marrani, classe 1941, di Barasso (VA).
Artista di ispirazione Futurista, in quanto porta a termine i suoi studi accademici sotto la guida di Gerardo Dottori, pittore perugino grande protagonista della seconda generazione del futurismo
 

Sabato 17 marzo ore 17
Presso il Museo Gianetti di Saronno
si inaugura:

IL TOCCO DEL SUONO
Quarto appuntamento del calendario relativo alle mostre temporanee del Museo Gianetti di Saronno

I primi lavori di Marrani sono opere su tela, caratterizzate da uno spessore materico molto forte, che si concretizzerà poi nel passare dalla bi-dimensione alla terza dimensione. Infatti nei  primi anni novanta decide di abbandonare il percorso pittorico dedicandosi esclusivamente alla scultura, in particolar modo alla ceramica policroma. Riprende poi gli studi cartografici e realizza le prime “AEROSCULTURE”, sintesi di processi e procedimenti sia fisici sia mentali che vengono intimamente vissuti e trasformati modellando l’argilla.

Verso gli ultimi anni novanta, Marrani si ispira alle steli azteche: ne nascono i primi “TOTEM”, sculture in ceramica a tutto tondo con strutture dinamiche e “verticalistiche”.

Le AEROSCULTURE e i TOTEM sono sculture nelle quali lo spettatore viene coinvolto, ma in modo passivo ecco quindi la nascita delle “SCULTURE INTERATTIVE E MUSICALI”, sculture che consentono il coinvolgimento dello spettatore che può intervenire direttamente sull’opera, ruotandola, spostandola, muovendola e perché no, anche suonandola.

La mostra che sarà presente in Museo è del tutto nuova, dinamica ed interattiva. Le parole d’ordine di Marrani sono: “Vietato non toccare”. Per uno scultore creare con le mani è del tutto normale: il modo nel quale si approccia ad un’opera avviene attraverso il senso tattile, e l’artista vuole che anche lo spettatore comprenda, “senta” e “veda” attraverso il tatto.

Attraverso il tatto si concretizza la realtà e si possono percepire emozioni e sensazioni che la vista non saprebbe completamente soddisfare.

Ecco allora una mostra nella quale verrà allestita una sala completamente al buio nella quale il visitatore è invitato ad entrare eliminando quello che è un aspetto “normale” dato dal senso della vista, immettendosi in una realtà altra, nella quale la vista viene messa in ultimo piano dando priorità al senso del toccare e del sentire.

Una modalità diversa, ma non nuova, da sempre abituale ai non vedenti; da qui la collaborazione con l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti della Sezione di Legnano,  i cui volontari non vedenti faranno da guida il giorno dell’inaugurazione, sabato 24 marzo e sabato 14 aprile.

Una mostra sensoriale quella che Ruggero Marrani e il Museo Gianetti decidono di proporre al pubblico, agli amici del Museo, a chi ancora crede che l’arte sia per pochi.

INFORMAZIONI:
Museo Gianetti , via Carcano 9, 21047 Saronno
Tel./Fax 029602383, http://www.museogianetti.it, info@museogianetti.it
Dal 17 Marzo al 21 Aprile 2012 martedì, giovedì, sabato dalle 15 alle 18
Da martedì a sabato su appuntamento per gruppi e scuole

APPUNTAMENTI:
Sabato 17 Marzo 2012  Inaugurazione ore 17
Venerdì 23 Marzo ore 18.30 Incontro ed aperitivo con l’artista
Sabato 24 marzo e Sabato 14 Aprile ore 16 Visita guidata condotta dai volontari dell’Unione Italiana dei ciechi e degli ipovedenti Onlus Sezione di Legnano

 

 

 

 

 

 

Working2000.it

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.