Saronnopiu.com - Il portale delle aziende e dei negozi di Saronno e dintorni

Frase esatta: Sí No     Ricerca avanzata

 

Per l'ennesima volta il sindaco Porro scarica le responsabilità su altri

Notizia letta 3167 volte
Articolo in: - Politica  

Saronno

Angelo Veronesi 10/09/2013

Per l'ennesima volta il sindaco Porro scarica le responsabilità su altri Angelo Veronesi
Avevamo chiesto all'Amministrazione attraverso un'interrogazione che alleghiamo, se si stessero intraprendendo dei ricorsi contro la decisione del Governo di chiudere il Tribunale di Saronno. Ci è stato risposto picche, vedi allegati. Questa Amministrazione non voleva fare nulla attendendo decisioni prese da altri.
 

Secondo noi il Sindaco avrebbe dovuto opporsi al Governo centralista di Roma intraprendendo dei ricorsi, utilizzando la stessa forza che ha adoperato per opporsi ad altre decisioni.
Il caso dell'ATO (Ambito Territoriale Ottimale per la gestione dell'acqua pubblica) insegna che questa Amministrazione fa ricorsi anche politicizzati senza alcuna base legale, che però servono ad allungare i tempi.
L'allungamento dei tempi serve per attendere nuove decisioni magari più favorevoli, da parte del Governo centralista.
L'allungamento dei tempi è una tattica nota al PD, che l'ha già utilizzata per opporsi ad ogni sorta di decisioni prese da Governi di altro colore politico.

Mi chiedo quale sia la motivazione per cui il Sindaco ci abbia risposto picche, forse perchè il PD appoggiava il Governo Monti? Alla faccia degli interessi di Saronno!

Oppure la motivazione si trova entro i confini di Saronno e riguarda una semplice ripicca in modo di far uscire un comunicato stampa del Comune per ribadire che io, capogruppo della Lega, non conosco questa o quella legge. Spero che il Consiglio Comunale non diventi l'asilo Mariuccia.

Angelo Veronesi

 

 

 

 

Working2000.it

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.