Saronnopiu.com - Il portale delle aziende e dei negozi di Saronno e dintorni

Frase esatta: Sí No     Ricerca avanzata

 

PRIC - Piano Regolatore dell'Illuminazione Comunale

Notizia letta 2639 volte
Articolo in: - Comunicati  

Saronno

Comune di Saronno 22/03/2013

PRIC - Piano Regolatore dell'Illuminazione Comunale Comune di Saronno
Con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 8 del 27 febbraio 2013 è stato adottato il Piano Regolatore dell'Illuminazione Comunale (P.R.I.C.) - Il Piano Regolatore dell'Illuminazione Comunale attraverso l'analisi dello stato di fatto, la valutazione delle scelte, la previsione degli interventi migliorativi e degli adeguamenti tecnologici, stabilisce le linee guida per la programmazione degli interventi sul territorio comunale in materia di illuminazione pubblica e persegue i seguenti obiettivi specifici.
 

Il Piano Regolatore dell’Illuminazione Comunale attraverso l’analisi dello stato di fatto, la valutazione delle scelte, la previsione degli interventi migliorativi e degli adeguamenti tecnologici, stabilisce le linee guida per la programmazione degli interventi sul territorio comunale in materia di illuminazione pubblica e persegue i seguenti obiettivi specifici:

- Programmazione dei singoli interventi, pianificazione delle attività di manutenzione, introduzione delle nuove tecnologie nell’ammodernamento degli impianti d’illuminazione esistenti;
- Univocità degli interventi per aree omogenee del territorio comunale;
- Prevenzione del disagio urbano e miglioramento della percezione di sicurezza, attraverso il ruolo fondamentale svolto dalla luce notturna a tutela delle condizioni di visibilità necessarie al traffico cittadino pedonale e veicolare;
- Promozione dell’immagine del Comune di Saronno attraverso la valorizzazione degli elementi architettonici e monumentali, in un contesto qualificato di decoro urbano.

 

 

  http://www.comune.saronno.va.it#...]

 

(Tratto dal documento “Relazione e norme tecniche” relativo al Piano Regolatore dell’Illuminazione Comunale in allegato alla Deliberazione Consiliare n. 8 del 27 febbraio 2013)

GLI OBIETTIVI
Gli obiettivi specifici richiesti per la stesura di un PRIC sono:
• programmazione dei singoli interventi, pianificazione delle attività di manutenzione, introduzione delle nuove tecnologie nell’ammodernamento degli impianti di illuminazione esistenti;
• programmazione economica ed energetica,
• univocità degli interventi per aree omogenee del territorio comunale,
• regolamentazione degli interventi privati riconoscibili come di pubblica utilità (arredo urbano, attività commerciali e sportive),
• prevenzione del disagio urbano e miglioramento della percezione di sicurezza attraverso il ruolo fondamentale svolto della luce notturna a tutela delle condizioni di visibilità necessarie al traffico cittadino pedonale ed automobilistico,
• promozione dell’immagine della Città, mettendo in risalto gli aspetti estetici, architettonici, monumentali e paesaggistici del territorio, in un contesto qualificato di decoro urbano (illuminazione artistica e scenografica) a qualsiasi ora del giorno e della notte,
• estensione delle aree pedonali, sviluppo commerciale e/o turistico del territorio, pur rispettando la centralità delle esigenze del benessere civico. L’elaborazione di un PRIC richiede un’analisi qualitativa e quantitativa nel contesto del territorio comunale ed un coordinamento efficace con gli altri strumenti urbanistici che governano la trasformazione degli spazi e dei servizi urbani e regolano lo sviluppo, il recupero edilizio e infrastrutturale del Territorio Comunale. Di conseguenza, il PRIC deve obbligatoriamente fare riferimento ed armonizzarsi, almeno, con i seguenti strumenti urbanistici (quando presenti):
• Piano Generale del Territorio (PGT),
• Piano Energetico Comunale (PEC),
• Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU),
• Norma UNI 11248 e EN 13201 “Illuminazione stradale”.
• Codice della Strada [1].
Le indicazioni e le prescrizioni contenute in questi documenti costituiscono un riferimento obbligatori per la stesura del PRIC e la valutazione dei parametri da adottare nella gestione degli impianti in funzione e nella progettazione dei nuovi impianti di illuminazione.
Gli obiettivi e le finalità del PRIC si estendono oltre i limiti imposti da un semplice strumento tecnico-disciplinare. I principi tecnologici ed illuminotecnici vengono definiti nel contesto di un programma di sviluppo e valorizzazione urbanistica che ha come potenziali fruitori i cittadini, le attività culturali, ricreative, turistiche e commerciali, le forze dell’ordine, i produttori di sistemi illuminotecnici, le imprese installatrici, le società di gestione e manutenzione.
È da evidenziare come le indicazioni del PRIC, per quanto rigorose, individuano esclusivamente il quadro d’azione per gli interventi, definendo le dinamiche generali e gli intenti condivisi, ma non sostituiscono l’opera del progettista, non pregiudicano la creatività e non costituiscono un ostacolo al progresso tecnologico. I

CONTENUTI
Il PRIC è uno strumento di analisi e programmazione, di progettazione e di controllo che disciplina le modalità di intervento per lo sviluppo, la gestione e la manutenzione degli impianti e della rete elettrica per l’illuminazione pubblica nel territorio comunale. Nella sua interezza il PRIC è un insieme di documenti descrittivi (relazioni) ed elaborati grafici (schemi e tavole), strutturati ed indicizzati per le seguenti prestazioni.   Analisi conoscitiva.
Studio dello stato di fatto dell’impianto comunale per l’illuminazione pubblica, con risvolti che afferiscono allo sviluppo del centro abitato e delle sue caratteristiche morfologiche, alle tipologie edilizie esistenti, ai vincoli architettonici, ed alla individuazione dei punti nodali e degli assi principali.
In particolare, attraverso l’analisi conoscitiva:
- si esaminano le aree omogenee del comune,
- si identificano i vincoli ambientali e storico-artistici,
- si acquisiscono i dati riguardanti la classificazione della rete stradale,
- si individua la consistenza e le caratteristiche dell’impianto esistente,
effettuando un censimento per tipologia degli apparecchi illuminanti, qualità delle sorgenti luminose, valori di illuminamento e luminanza sul piano stradale, tipologia dei pali e dei sostegni, vetustà di tutti i componenti, potenza elettrica impegnata e rete elettrica dedicata per l’alimentazione degli impianti.
  Programmazione degli interventi.
Produzione degli elaborati, grafici e descrittivi, che disciplinano le modalità di intervento nell’esecuzione dei progetti di illuminazione pubblica, motivando i criteri di scelta, la stima degli investimenti, le modalità di gestione e manutenzione. I parametri tecnici più significativi riguardano:
- la tipologia dell’impianto di illuminazione,
- la temperatura di colore e la resa cromatica delle sorgenti luminose,
- le caratteristiche tecniche delle sorgenti luminose e dei sostegni.
Progetti guida per settori urbani. Individuano gli interventi-tipo, le criticità, i vincoli ambientali e quelli di natura storico-artistiche.
Con l’adozione del PRIC il Comune di Saronno affronta e risolve una serie di questioni importanti per lo sviluppo sostenibile del proprio territorio, indirizzate soprattutto alle problematiche di impatto ambientale, efficienza energetica, responsabilità dei rischi, razionalizzazione dei costi gestionali e rapporti tra l’Amministrazione ed i Committenti.

 

 

 

 

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.