Saronnopiu.com - Il portale delle aziende e dei negozi di Saronno e dintorni

Frase esatta: Sí No     Ricerca avanzata

 

Progetto Talk so Loud

Notizia letta 5634 volte
Articolo in: - Arte e Cultura   - Eventi  

Saronno

Staff 02/04/2011

Progetto Talk so Loud Staff

Talk so Loud Talk so Loud è un evento collettivo, una mostra di autofinanziamento e auto-progettata, a favore dell'artista Antonio Marciano.
Lo scopo della mostra è una raccolta di fondi - nella tradizione delle mostre e vendite di beneficenza - il cui ricavato servirà a pagare un intervento chirurgico programmato per il mese di Maggio 2011 e a cui si sottoporrà l'artista.

 

L'esposizione si terrà nel mese di aprile (sabato 9, domenica 10, venerdì 15, sabato 16 e domenica 17) a Saronno negli spazi del Museo delle Industrie e del Lavoro del Saronnese, all'interno di un tipico edificio industriale ricavato nei vecchi capannoni delle Ferrovie Nord.

La disabilità derivata da 17 anni d'affezione da sclerosi multipla potrebbe essere così ridotta del 30%, fino a un massimo del 40%, con un intervento ancora in via di sperimentazione in Italia ma di cui sono noti gli esiti effettivi. La cura non è stata ancora riconosciute dal Sistema Sanitario Nazionale, per cui molti malati sono costretti ad andare all'estero per sottoporsi a tale operazione, ma oggi può essere effettuata privatamente in Italia. Tutto questo grazie agli studi recenti condotti dal Prof. Paolo Zamboni e dai suoi collaboratori presso l'Azienda Ospedaliera - Universitaria di Ferrara e dal Dott. Fabrizio Salvi dell'Università di Bologna.

Antonio Marciano ha pensato di riunire artisti, curatori, critici, che hanno lavorato con lui e che con lui hanno condiviso un lavoro iniziato negli anni '90 e che continua ancora oggi, per creare una condivisione, un coro unico di voci diverse. Per stringersi in cerchio, vivere e comunicare un cambiamento possibile.
Ogni artista prenderà parte al progetto esponendo e mettendo in vendita una propria opera, il cui ricavato della vendita andrà a sostenere l'intervento chirurgico.

Gli artisti coinvolti saranno circa una trentina, sul sito internet tutti gli aggiornamenti sui nomi dei partecipanti.


IL LUOGO DELLA MOSTRA

MILS - Museo delle Industrie e del Lavoro del Saronnese

In un tipico edificio industriale, il museo si articola in uno spazio espositivo all'aperto (1400 mq.) ed in uno spazio interno (800 mq.) ricavato nei vecchi capannoni delle Ferrovie Nord in cui, agli esordi di questa Società, si revisionavano le locomotive a vapore.

Il museo conserva e presenta oggetti, macchinari, prodotti e documenti
relativi ad un ampio arco di tempo che va dall'industrializzazione di fine '800 alle soglie del boom economico degli anni sessanta.
Materiale esposto proviene dagli archivi delle Aziende del territorio, da collezioni private.
Lo spazio disponibile per l'esposizione è una sala dedicata alle esposizioni temporanee all'interno del museo.

Il Museo delle Industrie e del Lavoro del Saronnese si trova in via Don Griffanti, 6 a Saronno (Va) Vedi scheda e mappa.


GLI ARTISTI PARTECIPANTI (al 4.3.2011)

Aro,  Giacomo Spazio,  Valeria Maggiani,  Ruggero Asnagho,  Joykix,  Andrea Gnocchi,  Chiara Cattaneo,  Dorianrex,  Elisa Galli,  Fenton,  Francesca Tollardo,  Greta Eta,  Greta Fantini,  Fabrizio Dusi,  Serena Porrati,  La Signorina Gorza,  Laila Tov,  Massimo Caccia,  Nicola Gobbetto,  Paolo Gonzato,  Ilaria Renoldi,  Danilo Quo Vadis,  Erika Meriggi,  Alessandra Paglialonga,  Mr Degrì,  Christophe Bouquin,  Barbara Crimella,  Simona Seveso,  Ciro Bel Vedere,  Antonio Sammartano,  Darien Rajhi

 

 

  http://antoniomarciano.blogspot.com/#...]

 

DIARIO AMBULATORIALE di Antonio Marciano
Potrebbe iniziare con questo titolo la mia biografia.
Con una serie di numeri, che nulla hanno da invidiare alla famosa teoria del matematico Fibonacci, Potrei raccontare e descrivere i singoli episodi della mia malattia degenerativa, o per meglio dire delle mie malattie degenerative.
Ma la Leucemia Promielocitica, che mi ha colpito nel 2007 non fa più parte di questo elenco, purtroppo è stata la conseguenza ad una cura non approfondita e non ben calcolata dai medici che me l'hanno sottoposta.
Errori matematici che si sono fatti sui farmaci e su di me. Potrei usare dei nomi, tutti in inglese, per arricchire i racconti dei singoli episodi, farmaci usati, ora lo posso dire ,con troppa leggerezza, con poca capacità medica.

TRATTAMENTO DI LIBERAZIONE
Ebbene oggi a distanza di 17 lunghi anni la mia disabilità potrebbe essere ridotta del 30%,fino ad un massimo di 40%, con una semplice operazione che consiste nell'apertura delle arterie e delle vene tramite una semplice operazione, per far sì che il sangue arterioso arrivi correttamente al cervello.
Studi recenti condotti dal Prof. Paolo Zamboni e dei suoi collaboratori presso l'Azienda Ospedaliera - Universitaria di Ferrara e dal Dott. Fabrizio Salvi dell'Università di Bologna indicano che la malformazione nota come "insufficienza venosa cerebro-spinale cronica" (CCSVI) potrebbe contribuire ai danni del sistema nervoso centrale nella sclerosi multipla.

La CCSVI descrive un'anomalia del flusso di sangue in cui il sistema venoso, a causa di malformazioni che causano un restringimento delle principali vene di deflusso del sistema nervoso centrale a livello del collo, del torace e della colonna vertebrale, potrebbe concorrere al danno dei tessuti nella malattia.
I risultati preliminari della complessiva attività di ricerca sin qui svolta dal Prof. Zamboni hanno sollevato non solo il comprensibile interesse e le aspettative delle persone colpite da SM, ma anche un intenso dibattito all'interno della comunità scientifica.
La CCSVI è stata individuata la prima volta attraverso un esame con Eco Color Doppler transcranico ed extracranico. I risultati del team del professor Zamboni confermano come l'EcoColorDoppler sia uno strumento di diagnosi potente e non invasivo. È altamente specifico nello scoprire il tipo di distribuzione delle stenosi delle vene extracraniche e di quelle extravertebrali, con una sensibilità trascurabile.
Per maggiore accuratezza diagnostica, altri tipi di stenosi possono essere diagnosticati mediante una venografia selettiva che consente di visualizzare i distretti venosi ma anche in questo caso occorre che l'operatore sia opportunamente istruito su cosa ricercare. Questi metodi diagnostici hanno permesso di individuare un'ostruzione alle giugulari nei pazienti affetti da sclerosi multipla.

TRATTAMENTO DELLA CCSVI
La sindrome quando causa stenosi può essere trattata attraverso angioplastica dilatativa o PTA. L'intevento consiste nel praticare una puntura endovenosa attraverso la quale viene fatto navigare un catetere guidato da un radiologo. Quando si raggiungono le vene bloccate queste vengono dilatate gonfiando un palloncino posto sul catetere.


ANTONIO MARCIANO
Antonio Marciano nasce a Saronno nel 1975 dove vive e lavora. Si diploma al liceo artistico di Busto Arsizio e successivamente all'Accademia di Bella Arte di Brera, indirizzo Decorazione. Autore di svariate esposizioni nazionali ed internazionali, da quindici anni è presente in esposizioni personali e collettive. Alcune delle sue opere sono entrate a far parte di prestigiose collezioni museali.

TUTTE LE MOSTRE DI ANTONIO MARCIANO - since 1994
ANTONIO MARCIANO HA PARTECIPATO ALLE SEGUENTI MOSTRE
2010 Straight to Hell. Limited No Art Gallery. Milano + Stroke03. Berlino. Limited No Art Gallery. Milano + Go Now. BettinnelliQuattro. Milano + Street Art evoluzione di un concetto. Como + 2009 So Far So Good. [MAP] Museo Arte Plastica. Castiglione Olona + 2008 Not for Children Under 3 Years. Spazio Zero. Gallarate + 2006 Love Is. Sala Nevera. Saronno + 2005 What's Happen?. Castello Ducale. Sant'Agata de Goti + LesG. Spazio Marangoni. Milano. Tutti a Casa. Sala Nevera. Saronno + 2004 Brend New, Gasoline. Milano + 2002 Io e lei. Plastic. Milano + 2000 W l'Italia. Galleria Bianca Pilat. Milano + Salon dei Salons. Accademia di Belle Arti. Milano + 1999 Tanta merda. Plastic. Milano + Only One night show. La casa 139. Milano + 1997 Flowers. Sotheby's Gallery. Roma + 1996 Rigide Flessibilità. Spazio 0. Caserta + Portable Art. Galleria Bianca Pilat Contemporany. Chicago. Toronto. Montreal + 1995 Nel segno dell'Angelo. Galleria Bianca Pilat. Milano + 1994 Mi_ART, Milano.

 

La locandina dell'evento dal sito del Comune di Saronno

 

 

 

 

Working2000.it

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.