Saronnopiu.com - Il portale delle aziende e dei negozi di Saronno e dintorni

Frase esatta: Sí No     Ricerca avanzata

 

La Favola dell'Auditel

Autore: Roberta Gisotti

 

La Favola dell'Auditel - Roberta Gisotti Pubblicato: 2002
Editore: Editori Riuniti
Collana: Black box
Ean: 9788835951988
Genere: Inchiesta
Pagine: 160
Copertina: Cartoncino verniciato
www.ibs.it/code/9788835951988/favola-dell-[...]

Pochi in Italia conoscono come funziona realmente l´Auditel: eppure su questo inadeguato sistema di rilevamento, da sedici anni si basa non solo la pianificazione degli spazi pubblicitari, ma l´intera offerta televisiva, con grave danno alla libertà di espressione, alla creazione intellettuale, alla crescita culturale e sociale del paese.

 

L´Auditel, una società privata nata per rilevare l´ascolto degli spot, è diventata arbitro supremo dell´offerta televisiva e del gusto degli italiani, e si è impossessata della comunicazione televisiva per fini commerciali.

Il libro ripercorre le azioni, le richieste di chiarimento, i limiti e le riserve sollevate nel corso di questi sedici anni dal Consiglio consultivo degli utenti, dal Codacons, dal Garante per l´editoria, dall´Istat, dal Governo; testimonia i reiterati rifiuti da parte dell´Auditel a garantire maggior trasparenza; sottolinea i dubbi, le denunce e i silenzi di molti operatori; propone le sconcertanti testimonianze delle poche famiglie Auditel uscite allo scoperto. Il quadro che ne deriva è quello di uno strumento imperfetto, estremamente macchinoso da utilizzare, rifiutato da nove famiglie su dieci, mirato a monitorare più i consumatori che i telespettatori.

Prefazione di Giulietto Chiesa.

 

Per gli operatori della tv - amministratori, dirigenti, programmisti, protagonisti, conduttori - l'Auditel è l'occhio di Dio o del diavolo. Le loro fortune o disgrazie dipendono da lui. Un occhio a cui sacrificare immagini che lo attraggano, anche se cattive.
L'Auditel, com'è noto, è una società privata creata dalla Rai, da Mediaset e dalle associazioni che rappresentano i pubblicitari perché accerti quanti sono i telespettatori che vedono i vari programmi, cioè l'audience.
Il monitoraggio però non è fatto per soddisfare la curiosità di chi fa i programmi, ma per consentire agli investitori pubblicitari di farsi un po' di calcoli e di pianificare le loro campagne in rapporto al loro costo. Se gli ascoltatori di un programma sono molti, la pubblicità costerà di più perché il suo effetto è maggiore, ma il costo-contatto meno. E viceversa. Insomma, si vive o si muore di audience.
(L'Indice)

 

Working2000.it

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.