Saronnopiu.com - Il portale delle aziende e dei negozi di Saronno e dintorni

Frase esatta: Sí No     Ricerca avanzata

 

Saronno: pronta la giunta di Luciano Porro

Notizia letta 1937 volte
Articolo in: - Comunicati   - Politica  

Saronno

PD Saronno 24/04/2010

Saronno: pronta la giunta di Luciano Porro PD Saronno

Il sindaco Luciano Porro ha presentato questa mattina la nuova Giunta di Saronno, una squadra composta da quattro uomini e due donne, tutti che non hanno mai ricoperto la carica di assessore in passato.

 

«Ora dobbiamo fare in modo che nasca lo spirito di squadra. Una squadra che si impegnerà a cambiare il volto della città e soprattutto lo farà con l'aiuto di tutti. In questo gruppo ci sono tutte le competenze necessarie. L'esperienza la faremo con gli atti amministrativi, ma soprattutto con l'aiuto dei dipendenti comunali, la cui collaborazione sarà fondamentale. Il Palazzo deve diventare di vetro in modo che tutti vengano accolti e si sentano primi cittadini».

 

Ecco i 6 assessori della Giunta Porro:

 

Valeria Valioni

(Pd, 59 anni) vicesindaco e assessore con deleghe dei servizi alla persona, famiglia e solidarietà sociale: «È una bella sfida, molto importante. Spero che da parte dei cittadini ci venga dato il tempo necessario per il rodaggio. C'è necessità di ragionare insieme».

 

 

Cecilia Cavaterra

(Tu@Saronno, 48 anni) deleghe ai giovani, formazione, cultura e sport: "Sono orgogliosa di far parte di questa squadra e lavoreremo per la città".

 

 

Mario Santo

(Pd, 68 anni), già consigliere provinciale, avrà deleghe a risorse economiche, lavoro, commercio, attività produttive e società partecipate: «È stata una grande impresa rovesciare il pronostico che ci vedeva sconfitti. Adesso affrontiamo problemi non piccoli: parlare di bilancio oggi fa venire l'ansia, ma con l'impegno di tutti ce la possiamo fare a superare questo momento difficile».

 

 

Giuseppe Campilongo

(indipendente, 57 anni) si occuperà dì urbanistica, ambiente, sistema della mobilità e iniziative con il territorio: «C'è tanta emozione, è un compito impegnativo che cercherò di svolgere al meglio. Alcune cose sono imposte dalle norme come il pgt. Ma dobbiamo porre molta attenzione anche alla salvaguardia del verde e alle periferie, anche con iniziative che evitino di far percepire Saronno come una città dormitorio».

 

 

Agostino Fontana

(Italia dei Valori, 65 anni) deleghe a opere pubbliche, casa e patrimonio, manutenzione della città, servizi di pubblica utilità e fonti di energie rinnovabili: È un'emozione per me nuova questo percorso nell'amministrazione pubblica. Quello delle opere pubbliche è un settore importante, ma la stessa attenzione andrà data anche alle energie rinnovabili di cui ho la delega per promuoverne la diffusione».

 

 

Giuseppe Nigro

(Partito Socialista, 59 anni) deleghe a organizzazione, comunicazione e partecipazione, polizia locale, prevenzione e sicurezza: «Mi sembra che ci sia un clima assolutamente positivo e questa era una delle condizioni che volevamo si creasse in questa fase iniziale. Sono assolutamente soddisfatto per questo inizio».

 

 

  http://www.pdsaronno.it/index.php?option=com_conte#...]

 

«Eviteremo personalismi ed egoismi - ha aggiunto Luciano Porro -. Inoltre, tutti i consiglieri di maggioranza avranno una competenza in un settore diverso e faremo in modo che il consiglio comunale torni a svolgere il ruolo che gli compete». Consiglio che dovrebbe riunirsi per la prima volta il prossimo 3 maggio.

«Non ci sono risorse come una volta - ha concluso il sindaco -, non ci possiamo permettere il lusso di sperperare. Dobbiamo razionalizzare la spesa senza mai far mancare le risorse alle persone che ne hanno bisogno. L'obiettivo è rispondere a chi ci chiede di mantenere dignità. Anche nella ricca Saronno ci sono persone deboli e fragili che non ce la fanno. A questi nostri fratelli dobbiamo dare risposte immediate. Creando una rete sociale».

 

 

 

 

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.