Saronnopiu.com - Il portale delle aziende e dei negozi di Saronno e dintorni

Frase esatta: Sí No     Ricerca avanzata

 

Ultima selezione del progetto Coffeebreak.museum

Notizia letta 2109 volte
Articolo in: - Arte e Cultura   - Comunicati  

Saronno

Museo Gianetti Saronno 12/01/2011

Ultima selezione del progetto Coffeebreak.museum Museo Gianetti Saronno

Si avvicina il momento dell'ultima selezione del progetto Coffeebreak.museum quindi per tutti i ritardatari e amanti dell'invio all'ultimo minuto con suspense compresa, è giunto il momento di darsi da fare e inviarci tutto. Avete tempo fino a venerdì 14 gennaio alle 17.

 

Se avete un progetto non ancora realizzato potete inviarci una spiegazione,� dei disegni, dei foglietti, dei post... quello che volete, basta che sia comprensibile.
Nel caso in cui siate selezionati avete tempo per realizzare l'opera fino alla fine di gennaio� (poi ci serve almeno una foto per locandina e cartolina). l'inaugurazione del prossimo Coffeebreak sarà domenica 6 febbraio alle 18.o inviarci una mail: coffeebreak.museum@gmail.com

 

vi ricordo che tema e tecnica sono LIBERI,
vi chiediamo solo un po' di attinenza con la sala delle maioliche italiane del museo. (potete guardare su� facebook: museo Gianetti e il gruppo Coffeebreak.museum� per le foto delle sale
e il sito del museo-� www.museogianetti.it�� per le opere, o venire di persona).
Buon lavoro a tutti!!!
ps: nel mese di marzo gran finale con collettiva di tutte le opere, catalogo ed eventi!!!

 

Lo staff del museo

 


Progetto Coffeebreak.museum

 

Introduzione

 

Il progetto Coffee break museum nasce dalla sinergia tra il museo Gianetti, con la curatrice Mara De Fanti e un giovane artista Fabio Cannizzaro, che insieme decidono di creare un gruppo su facebook per cambiare le impostazioni di un museo tradizionale e renderlo fruibile soprattutto ad un pubblico giovane.

 

L'idea nasce in una delle consuete pause caffè che ci si prende per staccare dal lavoro quotidiano, e ne assume le connotazioni: una proposta semplice e veloce, gustosa, di facile fruizione. L'esigenza parte dal voler rinnovare il museo di ceramiche, aprendolo soprattutto ai giovani, ricreandolo insieme a loro, e di vederlo più frequentato soprattutto dagli abitanti della zona. Il museo è infatti molto conosciuto all'estero e in Italia, dove gruppi di appassionati si muovono per visitarlo, ma poco frequentato dagli utenti del circondariato.
Coffeee break nasce con l'intento di creare una breve pausa caffè in museo dove il visitatore può fruire della bellezza di alcuni capolavori di ceramica settecentesca della collezione permanente e di un'opera contemporanea di un giovane artista, senza sentirsi impegnato a visitare tutto il museo. Come dire: un piccolo assaggio delle meraviglie presenti in museo che si possono tornare a vedere con calma.
Coffee break è dunque un momento di aggregazione, ma anche una rottura (giochiamo sul doppio significato break= rompere) con il tradizionale modo di visitare un museo, un tempo sospeso tra passato e presente, in un luogo che si apre veramente al pubblico. Coffee break diventa così un insieme di tante piccole azioni che coinvolgono diverse fasce sul territorio:
- i giovani artisti, attraverso la selezione di 7 opere per le 7 sale del museo e la loro esposizione
- artisti ceramisti per l'ideazione della tazzina da caffè del museo Gianetti e l'esposizione delle tazzine create
- le scuole, attraverso laboratori didattici per le varie fasce d'età: materne, elementari, medie e superiori
- gruppi di adulti, attraverso la creazione di laboratori ed incontri, conferenze
- le comunità di stranieri presenti sul territorio con giornate a tema sulla preparazione del caffè nelle varie culture
- il pubblico in generale attraverso una mostra sul rituale del caffè

 

Selezione di opere

 

www.museogianetti.it/ oppure inviare una mail all'indirizzo
coffeebreak.museum@gmail.com

 

 

  http://www.museogianetti.it/#...]

 

 

 

 

Working2000.it

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.