Saronnopiu.com - Il portale delle aziende e dei negozi di Saronno e dintorni

Frase esatta: Sí No     Ricerca avanzata

 

Zone 30: una cultura che avanza a livello mondiale

Notizia letta 2091 volte
Articolo in: - Comunicati  

Saronno

Comune di Saronno 20/07/2011

Zone 30: una cultura che avanza a livello mondiale Comune di Saronno

La politica delle Zone 30, che come è noto è stata adottata su vasta scala anche dal Comune di Saronno, è un'idea che parte da molto lontano. Sono oltre trent'anni, infatti, che in diversi Paesi del mondo si realizzano e promuovono interventi di "traffic calming" volte a rendere le aree urbane più vivibili e a fare in modo che gli abitanti possano riappropriarsi dei propri spazi.

 

Gli esempi, nel vasto panorama delle Zone 30, sono moltissimi e tutti differenti tra loro, a testimonianza del fatto che questo tipo di modello può essere applicato in qualsiasi situazione. Per fare in modo che i cittadini saronnesi possano avere le idee più chiare di quale tipo di cultura esista riguardo alle Zone 30, l’Amministrazione ha deciso di proporre una serie di contributi che saranno pubblicati sul sito del Comune e su Saronno Sette, a riguardo delle esperienze portate avanti negli altri paesi.

Questa settimana parleremo dell’esperienza di Zona 30 portata avanti dalla città di Torino. Inoltre, per favorire lo scambio d’idee con i cittadini da settembre sarà istituito un apposito indirizzo e-mail zone30@comune.saronno.va.it, cui tutti potranno scrivere per suggerimenti, critiche o semplici domande. Il Comune riprenderà la campagna di sensibilizzazione “Città di Saronno - Pulita Sicura Vitale“, con cartellonistica e volantini volti a informare sui problemi e sulle iniziative che ci aspetteranno nei mesi più freddi, quando il PM10 ritornerà a salire. Saranno previsti anche sondaggi ed assemblee pubbliche tra la popolazione per evidenziare criticità e miglioramenti riguardo alle zone 30 a Saronno.

Questa settimana proponiamo il primo articolo di approfondimento riguardo alle Zone 30. In questo numero parliamo della Zona 30 di Torino – Mirafiori.

La Zona 30 di Torino si trova nel cuore di Mirafiori Nord, fra corso Siracusa e via Guido Reni, fra corso Orbassano e corso Sebastopoli. Si tratta di una zona progettata e realizzata dai servizi tecnici del Comune di Torino, sulla base di un bando regionale del 2007, cui hanno partecipato il Comune di Torino e la Circoscrizione 2, in cui l’area si trova.
Operativa della metà del 2009, la Zona 30 di Torino ospita circa diecimila abitanti, che in questi due anni hanno visto il loro quartiere cambiare radicalmente e proporre condizioni di vita e di mobilità diverse: veicoli a bassa velocità, sicurezza stradale, riduzione dell’inquinamento atmosferico e acustico, un ambiente stradale con pavimentazione variata, arricchito di verde, piccole aree riposo con sedute, arredo, portabici.
Caratteristica della zona sono passaggi pedonali rialzati per meglio proteggere i pedoni, parcheggi alternati per rallentare il traffico, “zone d’incontro” in cui ospitare i momenti sociali che una mobilità ciclopedonale viene a formare. Interventi che il Comune di Saronno intende portare avanti nel corso dei prossimi anni, non appena il bilancio lo consentirà. Nel corso del suo primo anno di vita, la Zona 30 di Torino – Mirafiori ha ottenuto dei risultati apprezzabili: 0 feriti gravi e -68% di giorni di prognosi, una velocità media di 31 km/h (11 km/h di riduzione), -15% di traffico di attraversamento (soprattutto mezzi pesanti), sorpassi pericolosi quasi scomparsi. Inoltre, grazie ad una serie di attività e sondaggi organizzati dal Comune, gli abitanti hanno potuto partecipare attivamente alla creazione della zona 30, fornendo suggerimenti e prendendo decisioni in prima persona riguardo a determinate soluzioni di arredo urbano e viabilità. Per maggiori informazioni www.zone30torino.it.

 

L’assessore all’Urbanistica, Ambiente
Sistema della mobilità, Iniziative con il territorio
Giuseppe Campilongo

 

 

  http://www.comune.saronno.va.it#...]

 

 

 

 

 

 

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.