notizia

Come a Saronno si è capovolto il risultato a favore di Bersani

Notizia letta 9076 volte

Dario P. Accurso Liotta / Sinistra Ecologia e Libertà Saronno 2012-12-03

I saronnesi sono tornati a votare anche al ballottaggio e questo è il dato più importante: una grande dimostrazione di democrazia e di voglia di partecipare. Hanno dato una netta preferenza a Bersani, a differenza del primo turno, in cui i due candidati erano in sostanziale equilibrio.


Porto ad esempio il Seggio di via Biffi 3, dove il risultato è stato nettamente capovolto:

Primo turno:
Bersani 202 - Renzi 249 - Vendola 59 - Puppato 27 - Tabacci 2 ( 532 )
Ballottagio:
Bersani 271 - Renzi 218  ( 489 )(circa il 9% in meno di votanti)

Perchè Bersani ha vinto ?

MI sembra evidente che le preferenze di chi ha votato Vendola e Puppato siano state necessarie per far vincere nettamente Bersani.
Non è stata sufficiente la recente sovra-esposizione del sindaco Porro a favore di Renzi per riconfermare il successo del sindaco di Firenze al primo turno, perchè?

Perchè il "popolo di centro sinistra", quello evocato e ringraziato dal  vincitore di questo confronto politico, chiede di guardare a sinistra.
Chiede di costruire una coalizione e una politica che cambi profondamente questa società, che cancelli le nuove iniquità e ingiustizie sociali prodotte dallo stesso governo Monti.

Crediamo che la voglia di cambiamento espressa dovrebbe far riflettere anche il Sindaco e questa nostra amministrazione, da noi sostenuta lealmente sin dall'inizio, non senza critiche; amministrazione  che balbetta nel produrre reali politiche di cambiamento e partecipazione.

SEL ringrazia  tutti gli elettori che hanno sostenuto prima Vendola e poi fatto vincere Pierluigi Bersani e si impegna a sostenere, la difesa dei diritti, la laicità dello stato, la difesa della scuola pubblica e l'abrogazione dei finanziamenti alle scuole private, la difesa dell'ambiente e dei beni comuni, i diritti del lavoro e la lotta al precariato; che hanno votato per l' unità della sinistra, condizione prima per cambiare radicalmente questo paese.

 

Pagina precedente