notizia

Tornano gli Oblivion e l'Operetta al Pasta

Notizia letta 5300 volte

Teatro Giuditta Pasta Saronno 2013-02-25

Ritornano in scena gli Oblivion (resi famosi dal video su youtube "I promessi sposi in 10 minuti"), ma questo secondo spettacolo non è semplicemente la versione "aggiornata" del precedente fortunatissimo show, ma una vera e propria evoluzione del loro stile, che riesce a mescolare Lady Gaga con J.S. Bach e Tiziano Ferro con William Shakespeare. La settimana si concluderà con il weekend dedicato alle operette targate Corrado Abbati: "Bulli e pupe" (nuova produzione) e "Il pipistrello".


Giovedì 28 febbraio – ore 21.00
Oblivion
in:
Oblivion Show 2.0. Il Sussidiario
testi di Davide Calabrese e Lorenzo Scuda
con Graziana Borciani, Davide Calabrese, Francesca Folloni, Lorenzo Scuda, Fabio Vagnarelli
musiche di Lorenzo Scuda
regia di Gioele Dix

Gli Oblivion utilizzano almeno un secolo di materiale musicale italiano servendosi delle canzoni come di un alfabeto privato, per montare, intrecciare, deformare, riciclare in modo da costruire uno scintillante palinsesto canoro, al tempo stesso omaggio ai grandi e sberleffo ai meno grandi, in cui si raggiunge un miracoloso equilibrio tra citazione e creatività, tra umorismo e commozione. Lo spettacolo non è semplicemente la versione “aggiornata” del precedente fortunatissimo show, ma una vera e propria evoluzione dello stile Oblivion, che riesce a mescolare Lady Gaga con J.S. Bach e Tiziano Ferro con William Shakespeare. Con la consueta eleganza e irriverenza, i cinque madrigalisti post moderni raccontano storie epiche o semplici avvenimenti quotidiani giocando continuamente con la musica. Il più delle volte massacrano canzoni e testi famosi per ricomporli in modi surreali, altre volte si cimentano con virtuosistici esercizi di stile e canzoni originali. Come in ogni sussidiario che si rispetti, in questo nuovo spettacolo troviamo tutte le materie: dal solfeggio alla storia, fino alla grande letteratura italiana dove Dante e Pinocchio cantano le loro avventure in soli sei minuti.

Perché vederlo?
Per conoscere questi cinque irresistibili artisti, cantanti e attori, cabarettisti e comici, leggeri ma serissimi.
Perché nel susseguirsi degli sketch, tra un cazzotto e una canzone mimata, si nasconde uno sguardo beffardo ma acuminato su una società che assomiglia sempre di più a una parodia.
Perché i loro “numeri” fanno ridere e anche pensare, come nella migliore tradizione della comicità di qualità.
intero € 25
ridotto € 23
ridotto under20 € 12


Sabato 2 marzo – ore 21.00
Compagnia Corrado Abbati
in:
Bulli e Pupe
musica di Frank Loesser
libretto di Abe Burrows
su licenza esclusiva di Music Theatre International Show New York
edizione italiana di Corrado Abbati

Bulli e Pupe ha debuttato a Broadway nel 1950 totalizzando ben 1200 repliche (quasi 5 anni ininterrotti) e già nel 1951 ha vinto il premio come miglior musical. Il successo dello spettacolo teatrale ha ispirato l’omonimo film con Marlon Brando e Frank Sinatra che ha portato Bulli e Pupe ad essere famoso in tutto il mondo. Bulli e Pupe è considerato da molti come il musical perfetto perché vi si ritrova il classico spirito dei grandi successi di Broadway dove ad una variegata ambientazione (dalla pittoresca Times Square, alle calde notti nei bar di Cuba, dalle velate atmosfere dei night-club alla rigida moralità dell’Esercito della Salvezza) si unisce una musica sempre varia e vivace in un crescendo dove il ritmo dello spettacolo si fa sempre più incalzante e travolgente. Elegante, energico, spensierato, comico e romantico Bulli e Pupe ci porta in un mondo di belle donne e giovani bulli che amano il gioco, due di loro Sky Masterson e Nathan Detroit, non sanno resistere alla tentazione di fare o accettare scommesse su qualsiasi cosa. Così, quando una bella ragazza, appartenente all’Esercito della Salvezza, ‘mette su bottega’ nel quartiere, Nathan scommette che Sky non riuscirà a sedurla. Ma tutte le poste in palio perdono di valore quando Sky si innamora perdutamente.

Perché vederlo?
Perché è uno spettacolo che vede in scena un cast di oltre 20 artisti con voci importanti, coloratissimi costumi, balletti mozzafiato e scene eleganti.
Perché la qualità della messa in scena di Corrado Abbati è assodata e riconosciuta.
Per il suo sapiente accostamento di gag e ritmo che ne fanno uno spettacolo brillante, comico e romantico.
intero € 25
ridotto € 23
ridotto under20 € 12


Domenica 3 marzo – ore 15.30
Compagnia Corrado Abbati
in:
Il Pipistrello
musica di J. Strauss
regia di Corrado Abbati

Gabriel von Eisenstein, ricco gentiluomo di campagna, è stato condannato, per diffamazione, a qualche giorno di prigione. È ormai pronto per recarsi in carcere quando il suo amico dottor Falke gli porta un invito per la festa che il principe Orlofsky darà la sera stessa. Eisenstein decide di costituirsi dopo la festa. Rosalinde, sua moglie, rimasta sola, riceve la visita del suo spasimante Alfred che però viene scambiato per il padrone di casa e quindi portato in carcere al suo posto. Alla festa arrivano Adele, la cameriera di Eisenstein, il direttore delle carceri, convinto di avere messo in galera Eisenstein e naturalmente Rosalinde, la moglie di Eisenstein. Quest’ultimo sotto falso nome e Rosalinde, mascherata da contessa ungherese, si incontrano. Lui non la riconosce e comincia a corteggiarla donandole anche un bellissimo orologio. Ebbri e felici tutti bevono e cantano. All’alba Eisenstein va a costituirsi, ma in prigione il buffo carceriere lo informa che c’è già un Eisenstein in galera. Eisenstein cerca di capire e quando apprende della “visita” di Alfred a sua moglie si infuria, ma Rosalinde fa buon gioco mostrandogli l’orologio donato da lui alla presunta contessa ungherese. Alla fine dunque si farà pace e non resterà che riderci sopra.

Perché vederlo?
Perché è una delle operette più rappresentate e applaudite al mondo.
Per il vivace intreccio della commedia degli equivoci, le irresistibili danze e le meravigliose musiche di Strauss.
Perché la festa mascherata fornisce l’ambientazione ideale per un susseguirsi di equivoci, travestimenti, scambi di persona e burle in un crescendo di situazioni comiche fino allo scioglimento finale in un tripudio di brindisi e canti.
intero € 25
ridotto € 23
ridotto under20 €12

Fondazione culturale Giuditta Pasta
via I maggio snc - 21047 Saronno VA
Tel: +39 02.96.70.19.90
Fax: +39 02.96.70.20.09
segreteriaorganizzativa@teatrogiudittapasta.it

ufficiostampa@teatrogiudittapasta.it
www.teatrogiudittapasta.it
TeatroGiudittaPasta

 

Pagina precedente