notizia

Chi difende la Democrazia escluso da piazza Libertà

Notizia letta 1947 volte

Comitato del Saronnese L'Altra Europa con Tsipras 2014-03-16

Domenica 16 marzo 2014: ennesima triste data per la città di Saronno. La presenza di Forza Nuova, partito dichiaratamente neofascista (come riconosciuto già da alcune corti di giustizia italiane) che da settembre occupa spazi della nostra città con la sua sgradita presenza, è il motivo ufficiale della mancata autorizzazione dell'installazione di un banchetto di raccolta firme in questa piazza per la presentazione della lista "L'altra Europa con Tsipras" alle prossime elezioni europee.


SUCCEDE A SARONNO:
CHI DIFENDE LA DEMOCRAZIA ESCLUSO DA PIAZZA LIBERTÀ A CAUSA DI FORZA NUOVA: ORA BASTA!

Un’autorizzazione inizialmente accordata, poi ritirata su richiesta della Questura di Varese.
Possibile che le massime autorità di sicurezza di un paese in cui il fascismo e la sua ricostituzione partitica in qualsiasi forma sono vietate dalla Costituzione continuino ad autorizzare la propaganda di questi soggetti?

Possibile che, per lasciare spazio a chi si pone apertamente in continuità con il nazifascismo e contro la democrazia, queste autorità neghino la possibilità di esercitare la raccolta di firme per la presentazione di una lista politica antifascista, diritto costituzionalmente garantito? Apprendiamo che purtroppo è possibile.

Noi non desistiamo oggi e non desisteremo mai dalla denuncia di questa permissività nei confronti di chi ispira la propria proposta “politica” alle peggiori dittature conosciute dalla storia dell’umanità.

Noi siamo qui per dire a tutte le cittadine e i cittadini che ancora confidano nella Democrazia e nella Libertà, cui è intitolata questa piazza che si può uscire in un altro modo dalla crisi e dall’austerità in cui siamo stati precipitati da quei poteri economico-finanziari, cui i fascismi sono stati sempre funzionali.

Chiedendo all’Amministrazione Comunale di Saronno di prendere una posizione inequivocabile su tutto ciò.

Comitato del Saronnese L’Altra Europa con Tsipras

 

Pagina precedente